Rocky II

Da Enciclopedia del Doppiaggio.it.


{{{immagine2}}}
Rocky2.jpg

Rocky II (1979)
Rocky II | Stati Uniti d'America
regia di Sylvester Stallone
119 min | colore | sportivo, drammatico
una produzione Robert Chartoff, Irwin Winkler
scritto da Sylvester Stallone

Current user rating: 60% (1 votes)

 You need to enable Javascript to vote

Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Interpreti e personaggi
{{{attori}}}
Doppiatori originali
{{{doppiatorioriginali}}}
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
{{{doppiatoriitaliani}}}
Doppiatori italiani
Doppiatori trailer
{{{trailer}}}
Doppiaggio italiano: C.D.
Direzione del doppiaggio: Gigi Proietti
Adattamento dialoghi italiani: Alberto Piferi
Assistente al doppiaggio: {{{assistentedoppiaggio}}}
Fonico di doppiaggio: {{{fonicodoppiaggio}}}
Fonico di mix: {{{fonicomix}}}
Sonorizzazione: {{{sonorizzazione}}}
Edizione italiana: {{{edizioneitaliana}}}
Supervisione artistica: {{{supervisioneartistica}}}
Sincronizzazione: {{{sincronizzazione}}}
Fotografia di {{{fotografo}}}
Musiche di {{{musicista}}}
Effetti speciali a cura di {{{effettispeciali}}}
Montaggio di {{{montatore}}}
Scenografie a cura di {{{scenografo}}}
Premi:
{{{premi}}}
Fotografia di Bill Butler
Musiche di Bill Conti
Effetti speciali a cura di {{{nomeeffettispeciali}}}
Montaggio di {{{nomemontatore}}}
Scenografie a cura di Richard Berger
Premi:
*Miglior film agli American Movie Awards


« Ancora non ci credo che sia successo, non ci credo. Voglio solo dire grazie ad Apollo che si è battuto con me. Voglio ringraziare Mickey che mi ha allenato. Ma più di tutti voglio ringraziare Dio. A parte quando è nato mio figlio, questa è la notte più grande della mia vita. Voglio dire solo una cosa... a mia moglie che è a casa: Adriana ce l'ho fatta!! »
(Rocky)

Rocky II è un film del 1979 diretto da Sylvester Stallone. Girato a Filadelfia, è il sequel del fortunato Rocky (1976). Il sequel di Rocky vinse per la miglior fotografia al People's Choice Awards, USA del 1980, e come miglior film agli American Movie Awards, competendo con Apocalypse Now, Manhattan, Sindrome cinese e Il cacciatore.

Come il precedente è stato scritto da Sylvester Stallone che in questo caso è anche regista, oltre che interprete e protagonista. Il film fu un successo sia dal punto di vista critico che finanziario. La colonna sonora è nuovamente di Bill Conti.

Realizzato con un budget di soli 1.9 milioni di dollari, ne incassò al botteghino 200 milioni. Dopo questo film, Stallone decise di dover puntare molto su questo personaggio, che interpretò anche negli anni a seguire, fino al 2006, in altri quattro episodi: III, IV, V e Rocky Balboa.

Indice

Trama

Rocky Balboa finisce in piedi un incontro con Apollo Creed, campione mondiale dei pesi massimi, tanto che molti del pubblico e dei cronisti chiacchierano sul verdetto. Comunque, essendo rimasto malconcio al naso e all'occhio sinistro, Rocky accetta i consigli dell'anziano suo allenatore Mickey; annuncia il ritiro dalla boxe; sposa Adriana e investe nella casa i soldi della pingue borsa ottenuta. La moglie lo rende felice generando un figlio. Nel frattempo, però, il signor Balboa è stato costretto a cercare un lavoro fisso e, trovandosi sbarrate tutte le strade per una professione da impiegato a causa degli studi interrotti già durante le elementari, ha dovuto accettare favori umilianti e poco redditizi. Della situazione intende approfittare Apollo Creed che, raggiunto ormai il nome di "campione dei campioni", sente pesare sulla propria fama il neo del discusso verdetto di un anno prima. Sicuro anche che Rocky è ormai distrutto moralmente e fisicamente, oltre che in completa assenza di allenamenti, lo provoca a un incontro nel quale è sicuro di demolirlo definitivamente. Rocky, conoscendo la riluttanza di Adriana che tra l'altro è rimasta assai debole per il parto prematuro, riprende gli allenamenti senza convinzione, ancora sotto la direzione del fedele Mickey. Tutto lascerebbe prevedere un disastro. Ma quando la stessa Adriana gli chiede di vincere per lei, Rocky afferra tutto il suo coraggio generoso e tutte le sue forze. L'incontro è assai drammatico ma Rocky ne esce campione del mondo dei massimi.

Produzione

Origini

Dopo il successo di Rocky, Stallone decide di proporsi al pubblico non solo più come attore e sceneggiatore, ma anche come regista. Dopo Taverna Paradiso, nel 1979 decide di dirigere anche il primo seguito dedicato al pugile italo-americano Rocky Balboa, che tre anni prima lo rese un divo di Hollywood. Quindi, visto il grande successo, e l'epilogo che lasciava ampi margini per una prosecuzione, del primo film, nel 1978, Stallone inizia la fase di lavorazione del film. Qui l'attore italo-americano ricopre il ruolo di sceneggiatore, attore e regista, attorniandosi di tutti gli interpreti della pellicola capostipite.

Realizzazione

Girato ancora a Filadelfia con un basso budget, Stallone ripropone il cast del primo film, utilizzando la fine della trama del primo capitolo, per creare una sorta di rivincita per Rocky, che alla sua seconda avventura, ottiene buone critiche tanto da eguagliare il primo film.

Rocky2-2.jpg

Successo

Uscito nelle sale americane, il film supera il precedente agli incassi, ottenendo anche il People's Choice Award per la miglior fotografia. Negli Stati Uniti l'incasso raggiunse 85 milioni di dollari e il film batté il precedente con 200 milioni in tutto il mondo.

Doppiaggio italiano

  • L'edizione italiana del film è stata diretta da Gigi Proietti che però, a differenza del primo episodio, non presta la voce a Sylvester Stallone.
  • Nell'edizione italiana dei film alcuni nomi sono stati cambiati: il nome originale di Adriana è "Adrian", mentre il nome di Gazzo è stato cambiato in "Gasco".

Curiosità

  • Esiste un finale alternativo inedito, ma di cui si hanno prove da alcune foto sparse per Internet, in cui Adriana alla fine del combattimento festeggia insieme a Rocky allo Spectrum, si presume dalle foto che ella abbia assistito al combattimento non da casa ma proprio allo stadio.
  • Per la scena sulle scale di Filadelfia, furono circa 800 bambini a seguire Stallone sui 72 gradini del Museum of Art utilizzati da Rocky nei suoi allenamenti.
  • Dopo il matrimonio, Rocky e Adriana incontrano i cantanti e amici di Rocky. Uno di loro è il fratello del regista Sly, Frank Stallone.
  • Questo film segna l'ultima partecipazione di Gazzo alla saga di Rocky.
  • Anche se Rocky è sinistro, questa pellicola mostra chiaramente che Stallone scrive con la destra; quando in ospedale gli chiedono il primo autografo, Rocky utilizza la mano destra, benché in film come Rambo e i seguiti porta il coltello sul fianco sinistro, in Rambo I scaglia una pietra sull'elicottero con la mano sinistra. Inoltre in Rambo II: la vendetta e in John Rambo usa l'arco come un mancino.
  • Mentre si addestrava per la pellicola, Stallone si è strappato un muscolo che richiedeva oltre 160 punti.
  • Rocky Jr. è rappresentato dal primo figlio di Stallone, ovvero Seargeoh Stallone, affetto da autismo.

Collegamenti esterni

  • cinema Portale Cinema: accedi alle voci de enciclopediadeldoppiaggio che trattano di cinema


Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
DOPPIAGGIO
INDICI A-Z
Strumenti