La principessa e il ranocchio

Da Enciclopedia del Doppiaggio.it.


{{{immagine2}}}
The Princess and the Frog logo.jpg

La principessa e il ranocchio (2009)
The Princess and the Frog | USA
regia di Ron Clements, John Musker
97' | colore | animazione, sentimentale, musicale
una produzione Peter Del Vecho
scritto da Ron Clements, Rob Edwards, Greg Erb, John Musker, Jason Oremland

Current user rating: 0% (0 votes)

 You need to enable Javascript to vote

Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Interpreti e personaggi
{{{attori}}}
Doppiatori originali
Interpreti e personaggi
{{{nomeattori}}}
Doppiatori italiani
Doppiatori italiani
{{{nomedoppiatoriitaliani}}}
Doppiatori trailer
{{{trailer}}}
Doppiaggio italiano: {{{doppiaggioitaliano}}}
Direzione del doppiaggio: {{{direzionedoppiaggio}}}
Adattamento dialoghi italiani: {{{dialoghiitaliani}}}
Assistente al doppiaggio: {{{assistentedoppiaggio}}}
Fonico di doppiaggio: {{{fonicodoppiaggio}}}
Fonico di mix: {{{fonicomix}}}
Sonorizzazione: {{{sonorizzazione}}}
Edizione italiana: {{{edizioneitaliana}}}
Supervisione artistica: {{{supervisioneartistica}}}
Sincronizzazione: {{{sincronizzazione}}}
Fotografia di '
Musiche di {{{musicista}}}
Effetti speciali a cura di '
Montaggio di {{{montatore}}}
Scenografie a cura di {{{scenografo}}}
Premi:
Fotografia di {{{nomefotografo}}}
Musiche di Randy Newman
Effetti speciali a cura di {{{nomeeffettispeciali}}}
Montaggio di Jeff Draheim
Scenografie a cura di James Aaron Finch
Premi:
{{{nomepremi}}}



La principessa e il ranocchio è un film d'animazione in tecnica tradizionale, il 49º classico Disney secondo il canone ufficiale. È basato sulla fiaba Il principe ranocchio.

Il film è diretto da John Musker e Ron Clements (già registi de La sirenetta e Aladdin), mentre la colonna sonora è stata composta da Randy Newman.

Il film è stato distribuito l'11 dicembre 2009 negli Stati Uniti (con un'uscita limitata il 25 novembre a New York e Los Angeles[1]) e il 18 dello stesso mese in Italia e nella Svizzera italiana.

Indice

Trama

Una storia d'amore ambientata nel 1926 sulle sponde del Mississippi, a New Orleans.

Tiana è una bambina di colore figlia della sarta Eudora (Angiola Baggi), che confeziona abiti per l'amica di Tiana, Charlotte, la figlia di Eli "Gran Papà" la Bouff (Paolo Marchese), un ricco signore del luogo. Una sera Eudora legge alle bambine la fiaba del principe ranocchio: Charlotte dice con entusiasmo che pur di diventare principessa bacerebbe 100 ranocchi, mentre l'altra bambina sembra essere disgustata dall'idea. Ella condivide il sogno del padre James: aprire un ristorante tutto suo. Tiana cresce, ed il padre muore prima che il sogno si sia realizzato.

La ragazza crede fermamente in questo sogno, e lavora giorno e notte (letteralmente) per accumulare abbastanza denaro con cui affittare un locale. Intanto il principe Naveen di Maldonia giunge in città a bordo di una nave, seguito dal valletto Lawrence, in cerca di donne e di jazz, le sue passioni, per recarsi a villa La Bouff dove si terrà un ballo mascherato. S'imbatte però in un mago voodoo, il Dr. Facilier, chiamato anche Uomo ombra, che per ripagare dei debiti con degli amici dell'aldilà lo trasforma in un ranocchio convincendo Lawrence a prendere le sembianze di Naveen dicendogli di vendicarsi dei lunghi anni di umiliazioni. Il piano sarebbe quello di trasformare Lawrence nel principe Naveen grazie ad un talismano contenente il sangue del principe, sposare Charlotte e prendere la fortuna di Gran Papà La Bouff a metà (60/40). A villa La Bouff Tiana distribuisce dei bignè quando riceve la visita degli agenti immobiliari che la informano che il locale sarà venduto ad un miglior offerente. Tiana, delusa, inciampa e per errore si sporca con i bignè e Charlotte le fa indossare un costume da principessa. Naveen, sfuggito ai due rapitori, incontra per caso Tiana sul terrazzo della villa LaBouff. La ragazza, che aveva pregato la Stella della sera di realizzare il suo sogno, si stupisce vedendo che in cambio riceve solo un ranocchio. Questi le chiede di baciarla ed in cambio le esaudirà un desiderio, visto che la sua famiglia è tanto ricca. Tiana si convince e lo bacia. Qui però accade l'inaspettato: non è Naveen a ridiventare un uomo, ma Tiana a trasformarsi in una rana.


Produzione

Dopo l'acquisizione della Pixar nel 2006, i nuovi dirigenti della Disney Ed Catmull e John Lasseter si dissero fortemente intenzionati a sviluppare un nuovo cartone animato[2]. Poco dopo il progetto venne affidato ai registi Ron Clements e John Musker[3].

Da una prima bozza della trama si scoprì che con questo film la Disney stava tornando al genere musical già visitato con successo negli anni '90[4].

Il 29 luglio 2008 viene aperto il sito ufficiale del film, contenente il primo teaser trailer, immagini e informazioni sul cast tecnico e artistico.

Incassi

Il film, pur posizionandosi in classifica con buoni risultati, non ha avuto il successo sperato con il ritorno al disegno tradizionale. Negli USA ha incassato in totale circa 99.155.000 di dollari arrivando comunque al primo posto tra i film più visti, mentre in Italia, con un buonissimo incasso di circa 9.366.008 di euro, viene sorpassato da cinepanettoni come Natale a Beverly Hills di Neri Parenti e Io & Marilyn di Leonardo Pieraccioni raggiungendo comunque la quarta posizione già nella prima settimana di programmazione.

Ad ogni modo, il film, ha raggiunto un buon incasso totale di $266,000,000 contro il budget di 105 ml.

Controversie

Critiche di razzismo e discriminazione sono state rivolte alla Walt Disney Company a causa del fatto che la protagonista, che inizialmente è una serva (per poi diventare principessa), sia afro-americana. Tuttavia le note di biasimo mosse nei confronti di Walt Disney sono state da molti considerate futili in quanto la quasi totalità delle principesse delle fiabe Disney sono personaggi di status umile, prima di diventare personaggi regali (Biancaneve, Cenerentola, Belle...).

L'azienda ha risposto alle accuse ribadendo che il colore della pelle è stato scelto proprio per dare una nuova "linea" alle future pellicole[5].

Citazioni

  • La scena in cui i protagonisti fuggono dagli alligatori nella palude ricorda molto quella in cui i topolini Bianca e Bernie di Le avventure di Bianca e Bernie scappano dai coccodrilli di Madame Medusa Bruto e Nerone, e del Re leone 2 quando Kiara e Kovu scappano dai coccodrilli.
  • Tiana si aggrappa al bus nello stesso modo in cui Belle si aggrappa al carretto durante la canzone Il racconto di Belle.
  • Quando Tiana e Naveen (versioni ranocchio) stanno sul battello l'uno accanto a l'altra e lei si stringe a lui, sono identici a Aladdin e Jasmine quando osservano i fuochi d'artificio cinesi.
  • Quando i due ranocchi sfuggono per la prima volta agli alligatori nella palude, Naveen chiede di salire sull'albero dove di nasconde Tiana e lei risponde "Trova il tuo albero" ("Find your own tree"). Una citazione alla scena finale del film "Il conte di Montecristo" di Rowland V. Lee del 1934
  • Durante la canzone Il mio sogno si realizzerà Louis riproduce le stesse mosse dell'orso Baloo nel film Il libro della giungla, specie quando è lungo sul fiume della palude e "traghetta" Tiana e Naveen (trasformati in rane) proprio come l'orso faceva con Mowgli.
  • La Stella della Sera (chiamata Evangeline da Ray) è un omaggio e riferimento alla Stella dei Desideri di Pinocchio.
  • Mamma Odie fa apparire il suo bastone magico nello stesso modo in cui la Fata Smemorina di Cenerentola fa apparire la sua bacchetta magica.
  • Durante la festa di martedì grasso si possono distinguere un carro con la ricostruzione di Agrabah (con un Jafar che pone le sue mani su di essa) e un altro sovrastato da Re Tritone, chiari riferimenti ai film Aladdin e La sirenetta.
  • Durante la festa in maschera, invece, appare tra i personaggi travestiti anche Bo Peep di Toy Story, con la sua pecorella.
  • Durante il film Tiana dice a Ray che Evangeline non è una lucciola ma una stella, "una palla di aria calda a milioni di chilometri da qui"; Pumbaa nel film Il Re Leone afferma lo stesso contesto: "io pensavo che fossero (le stelle) masse gassose che bruciavano a miliardi di chilometri di distanza".
  • La scena in cui Facilier sussurra all'orecchio di Tiana, ingannandola, che se lei gli dà il talismano, lui le darà il suo ristorante, ricorda molto quella di Hercules quando Ade sussurra a Meg che se lei scopre il punto debole dell'eroe protagonista, lui la libererà.
  • Quando Tiana alla fine rompe il talismano di Facilier, compaiono tutti gli spiriti e le maschere tribali per portare il malvagio uomo nel loro regno. In particolare 3 maschere si avvicinano verso lo spettatore (parlando di punti di vista) con un sorrisetto perverso. Analoga cosa avviene nel Re Leone quando le tre iene Shenzi, Banzai e Ed intrappolano Simba e Nala nel cimitero degli elefanti.
  • Quando Charlotte sta per baciare Naveen, l'orologio della Chiesa suona la mezzanotte, interrompendo i due personaggi. Lo stesso accade per Cenerentola e il Principe quando stanno per scambiarsi il primo bacio.
  • Dopo il funerale di Ray, i personaggi guardano il cielo e vedono una Stella nuova vicino a quella della Sera, capendo che è proprio la defunta lucciola. Le due stelle ricordano molto la direzione per l'Isola che non c'è nel classico Le avventure di Peter Pan.
  • La scena della lotta con i cacciatori di rane, in cui Naveen (sempre in versione ranocchio) si nasconde sopra la testa di uno dei cacciatori e dice agli altri due cacciatori di fare silenzio, mentre invece tirano poi pian piano una clava, per poi tirarla sulla testa dell'altro cacciatore, cercando di colpire Naveen, è identica a cui quando il Grillo Parlante si posiziona sul cappello della Volpe e raccomanda al Gatto di fare silenzio, mentre questi invece tira fuori il suo martello pian piano e colpisce la Volpe nel film Pinocchio.
  • La canzone Il mio sogno si realizzerà ricalca lo stesso contesto di Voglio diventar presto un re de Il Re Leone mentre la canzone La mia Evangeline ricorda Baciala de La sirenetta. In quest'ultima canzone, Tiana e Naveen si guardano proprio come Simba e Nala ne Il re leone durante la canzone L'amore è nell'aria stasera.
  • Nella scena iniziale in cui parte la canzone 'La vita a New Orleans', poco prima della comparsa del titolo, si può notare una signora in alto a sinistra, che da una finestra scuote un tappeto. Quest'ultimo è lo stesso del film Aladdin, diretto dagli stessi registi.
  • Durante la sua canzone, Mamma Odie prende una perla che poi fa a vedere a Tiana e Naveen. Mentre la cerca lancia via diversi oggetti, tra i quali la lampada di Aladdin.
  • Il modo in cui Charlotte guarda il falso Naveen durante il loro matrimonio è identico al modo in cui Vanessa (In realtà Ursula) guarda Eric ne La sirenetta.
  • Il fatto che la vita del dottor Facilier sia legata a un ciondolo e che alla fine Tiana glielo rompa, si lega molto al film Anastasia: in quest'ultimo l'esistenza di Rasputin è legata a un filtro che alla fine viene distrutto dalla protagonista.
  • Durante la fuga di Tiana e Naveen dalla festa di Charlotte, vengono coperti da un costume di giraffa e il cane di Charlotte, Stella li insegue. Un signore vestito da polpo, che li vede, getta il vino dai bicchieri da cui sta bevendo. Scena analoga avviene nel classico Disney Gli Aristogatti (quando la banda di Scat-cat segue il topo Groviera per liberare Duchessa e i suoi gattini, un pittore, vedendoli, versa per terra una bottiglia di vino).
  • L'arrivo di Facilier ricorda molto quello di Jafar quando si mostra al Sultano.
  • Quando Tiana e Naveen cadono sulla batteria, il musicista, per mandarli via, cerca di prenderli con le bacchette, proprio come fa il 7º nano Cucciolo per scacciare la mosca.
  • Quando Mamma Odie chiama Naveen e Tiana "saltafossi" lo stesso lo dice Lucignolo al Grillo Parlante nel film Pinocchio
  • La scena iniziale contiene molte citazioni: quando si va molto vicino alla casa di Charlotte lungo il viale sembra la scena iniziale di lilli e il vagabondo, un carro che attraversa la strada sembra quello de Gli aristogatti inoltre Charlotte tiene in braccio un gattino che assomiglia a Minou sempre de Gli aristogatti e si vede la cima del castello di Aurora della bella addormentata nel bosco

Ecco un video in cui sono messe a confronto le citazioni de "la principessa e il ranocchio" con i rispettivi classici di animazione: http://www.youtube.com/watch?v=aAuWUXTeONs

Curiosità

  • Nel doppiaggio originale l'alligatore Louis parla un dialetto louisiano, misto tra inglese e francese, al contrario del doppiaggio italiano, dove Louis è doppiato in maniera normale.
  • Più volte Facilier chiama Naveen "principe ranocchio", ricordando così il nome dell'opera da cui è stato tratto il film.
  • Nella versione cinematografica italiana, all'inizio della canzone "A un passo dai miei sogni", la madre di Tiana muove la bocca senza proferire parola: evidentemente è un errore di doppiaggio. Nella versione DVD l'errore non è presente.
  • Karima (cantante) doppia Tiana in tutte le canzoni del film.
  • Una canzone della colonna sonora italiana ("A un passo dai miei sogni") è stata cantata dalla vincitrice di My Camp Rock, Martina Russomanno.

Note

  1. (EN) Pamela McClintock. «Disney moves up 'Princess' release». Variety, 10-03-2009. URL consultato in data 11-03-2009.
  2. (EN) Disney procede col futuro "Princess". Dark Horizons, 27-07-2006. URL consultato il 09-05-2008.
  3. (EN) Rhett Wickham: Si lavora!. Laugh In Place, 23-06-2006. URL consultato il 09-05-2008.
  4. (EN) La Disney torna con l'animazione. Internet Move Database News, 27-07-2006. URL consultato il 09-05-2008.
  5. (EN) Brad Brevet. Non Racist 'Princess and the Frog' Visual Development Pics. Rope Of Silicon, 11-08-2008

Collegamenti esterni

Film d'animazione Disney


Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
DOPPIAGGIO
INDICI A-Z
Strumenti