Barry Lyndon

Da Enciclopedia del Doppiaggio.it.


Barrylyndon-2.jpg
Barrylyndon.jpg

Barry Lyndon (1975)
Barry Lyndon | Regno Unito
regia di Stanley Kubrick
184 min[1] | colore | drammatico
una produzione Stanley Kubrick
scritto da Stanley Kubrick

soggetto William Makepeace Thackeray (romanzo)
Current user rating: 0% (0 votes)

 You need to enable Javascript to vote

Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Interpreti e personaggi
{{{nomeattori}}}
Doppiatori italiani
Doppiatori italiani
{{{nomedoppiatoriitaliani}}}
Doppiatori trailer
{{{trailer}}}
Doppiaggio italiano: CVD
Direzione del doppiaggio: Mario Maldesi
Adattamento dialoghi italiani: Mario Maldesi, Riccardo Aragno (traduzione)
Assistente al doppiaggio: {{{assistentedoppiaggio}}}
Fonico di doppiaggio: {{{fonicodoppiaggio}}}
Fonico di mix: {{{fonicomix}}}
Sonorizzazione: {{{sonorizzazione}}}
Edizione italiana: {{{edizioneitaliana}}}
Supervisione artistica: {{{supervisioneartistica}}}
Sincronizzazione: {{{sincronizzazione}}}
Fotografia di John Alcott
Musiche di Leonard Rosenman
Effetti speciali a cura di {{{effettispeciali}}}
Montaggio di Tony Lawson
Scenografie a cura di Ken Adam
Premi:
Fotografia di {{{nomefotografo}}}
Musiche di {{{nomemusicista}}}
Effetti speciali a cura di {{{nomeeffettispeciali}}}
Montaggio di {{{nomemontatore}}}
Scenografie a cura di {{{nomescenografo}}}
Premi:
{{{nomepremi}}}


« Nessun ragazzo, per la prima volta libero e con venti ghinee in tasca, si sente veramente triste. E Barry partì alla volta di Dublino senza tanto pensare alla cara mamma rimasta sola e al focolare lasciato alle sue spalle, quanto al domani, con tutte le meraviglie che gli avrebbe portato »
(Narratore/Romolo Valli)

Barry Lyndon è un film drammatico del 1975 diretto da Stanley Kubrick, tratto dal romanzo Le memorie di Barry Lyndon di William Makepeace Thackeray.

Nonostante all'uscita nelle sale non abbia prodotto incassi cospicui, Barry Lyndon è oggi considerato uno dei migliori film di Kubrick e una delle più grandi opere cinematografiche mai realizzate.[2][3]

Per creare un'opera il più possibile realistica, Kubrick trasse ispirazione dai più famosi paesaggisti del XVIII secolo per scegliere le ambientazioni dei set.[4] Le riprese vennero effettuate nei luoghi in cui è stato ambientato il film: Inghilterra, Irlanda e Germania.[5]

Le scene e i costumi vennero ricavati da quadri, stampe e disegni d'epoca; grazie a questa attenzione ai dettagli il film ottenne i premi Oscar alla migliore scenografia e ai migliori costumi (entrambi assegnati nel 1976).[6] Le riprese vennero invece girate con l'ausilio della luce naturale o, tutt'al più, delle candele e delle lampade a olio per le riprese notturne.[7] Barry Lyndon è un film che assume un ruolo particolarmente importante nella filmografia di Kubrick perché costituisce il momento di maggiore libertà e distanza dai temi sociali, filosofici e politici che a Kubrick sono sempre stati attribuiti: violenza, politica, sesso. È un film fortemente visivo, talmente ricco di immagini e riferimenti estetici (dovute alle vastissime ricerche condotte dall'autore) da farne la più ampia e rigorosa rappresentazione del Settecento che il cinema abbia mai prodotto. La storia viene continuamente ridotta a quadro, a immagine da mostrare, da guardare: una grande tessitura visiva iniziata in esterni, nella profondità di campi lunghissimi e nella fredda luce del nord, dove le figure si stagliano nette sugli orizzonti sconfinati, e chiusa nel fondo nero di una carrozza.

Questa scelta implicò l'utilizzo di lenti rivoluzionarie, studiate dalla Zeiss per la NASA, oltre a nuove macchine da presa messe a punto dalla Panavision.[7] Nel Regno Unito e negli Stati Uniti uscì il 18 dicembre 1975,[8] mentre in Italia il 1º gennaio 1976.[8]

Indice

Trama

Il film si divide in:

  • Parte I: Con quali mezzi Redmond Barry acquisì lo stile e il titolo di Barry Lyndon;
  • Parte II: Resoconto delle sventure e dei disastri che accaddero a Barry Lyndon.

In un piccolo villaggio irlandese, Redmond Barry, un giovane scapestrato e di bell'aspetto ma con pochi soldi in tasca s'innamora della cugina, la bella e frivola Nora Brady. Nel villaggio, qualche settimana più tardi, si ferma un reggimento militare del Regno Unito, che sta reclutando truppe per la guerra dei sette anni. Durante la sosta Nora conosce uno degli uomini di stanza, il capitano John Quin, con cui avvia una relazione. I fratelli di Nora, consci che l'ufficiale ha ampia disponibilità economica, cercano di distoglierla da Redmond e di spingerla verso l'ufficiale. Redmond cerca con tutte le sue forze di porsi tra i due promessi sposi...

Distribuzione e accoglienza

All'uscita, nel dicembre 1975, il film venne apprezzato particolarmente,[9] per le sue atmosfere barocche, la fotografia e la scenografia.[9] Nonostante tutto, l'accoglienza da parte del pubblico non fu delle più calorose[9] e il critico italiano Enzo Ungari, ad esempio, nel 1976, la definì «svagata»[9] e asserì che Barry Lyndon aveva avuto un po' ovunque degli apprezzamenti «grigiamente positivi».[9]

Brian Koller scrisse che il film è il secondo più bello di Kubrick, successivo solo al Dottor Stranamore, che cattura e fa saltare lo spettatore in un mondo sin troppo realistico.[10] In seguito al successo - quantomeno sotto il punto di vista critico - del film, negli anni successivi molti registi sfornarono una serie di film storici ambientati nel '700, che cercavano di ricreare le atmosfere realistiche: tra questi, I duellanti di Ridley Scott, in cui per altro i duelli svolgono un ruolo fondamentale.

Registi italiani come Bernardo Bertolucci, però, sottolinearono il fatto che anche questo film, come già accadeva in 2001: Odissea nello spazio e Arancia meccanica, metteva in risalto il sentimento di amore/odio che Kubrick prova verso la civiltà umana.[11]

Note

  1. Barry Lyndon (1975) – Info principali. Internet Movie Database. URL consultato il 24 dicembre 2011.
  2. (EN) 100 Best Films - Village Voice. filmsite.org. URL consultato il 23 febbraio 2015.
  3. (EN) Barry Lyndon. entertainment.time.com. URL consultato il 23 febbraio 2015.
  4. Barry Lyndon (1975). URL consultato il 5 gennaio 2008.
  5. Filming locations for Barry Lyndon (1975). URL consultato il 10 gennaio 2008.
  6. Premi a Barry Lyndon (1975). URL consultato il 10 gennaio 2008.
  7. 7,0 7,1 Due obiettivi speciali per 'Barry Lyndon'. URL consultato il 10 gennaio 2008.
  8. 8,0 8,1 Barry Lyndon (1975) – Date di uscita. Internet Movie Database. URL consultato il 24 dicembre 2011.
  9. 9,0 9,1 9,2 9,3 9,4 Barry Lyndon: L'Ultimo Kubrick ha Cervello e Bellezza. URL consultato il 10 gennaio 2008.
  10. Barry Lyndon - Reviewed by Brian Koller. URL consultato il 10 gennaio 2008.
  11. Emanuela Martini. Lo sguardo vuoto dell'umanità. URL consultato il 10 gennaio 2008.

Collegamenti esterni

Ciak! I film di Stanley Kubrick Ciak!
Film
Paura e desiderio (1953) • Il bacio dell'assassino (1955) • Rapina a mano armata (1956) • Orizzonti di gloria (1957) • Spartacus (1960) • Lolita (1962) • Il dottor Stranamore, ovvero: come imparai a non preoccuparmi e ad amare la bomba (1964) • 2001: Odissea nello spazio (1968) • Arancia meccanica (1971) • Barry Lyndon (1975) • Shining (1980) • Full Metal Jacket (1987) • Eyes Wide Shut (1999)
Documentari-Cortometraggi
Day of the Fight (1951) • Flying Padre (1951) • The Seafarers (1953)


Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
DOPPIAGGIO
INDICI A-Z
Strumenti