La finestra sul cortile

Da Enciclopedia del Doppiaggio.it.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il remake del 1998 con Christoper Reeve, vedi Rear Window.


{{{immagine2}}}
Lafinestrasulcortile.jpg

La finestra sul cortile (1954)
Rear Window | USA
regia di Alfred Hitchcock
121 min | colore | thriller
una produzione Paramount
scritto da John Michael Hayes

soggetto Cornell Woolrich (racconto)
Current user rating: 92% (5 votes)

 You need to enable Javascript to vote

Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
{{{doppiatorioriginali}}}
Interpreti e personaggi
{{{nomeattori}}}
Doppiatori italiani

Doppiaggio originale (1955):

Ridoppiaggio (1984):

Doppiatori italiani
{{{nomedoppiatoriitaliani}}}
Doppiatori trailer
{{{trailer}}}
Doppiaggio italiano: C.D.C. (1955 e 1984)
Direzione del doppiaggio: {{{direzionedoppiaggio}}}
Adattamento dialoghi italiani: {{{dialoghiitaliani}}}
Assistente al doppiaggio: {{{assistentedoppiaggio}}}
Fonico di doppiaggio: {{{fonicodoppiaggio}}}
Fonico di mix: {{{fonicomix}}}
Sonorizzazione: {{{sonorizzazione}}}
Edizione italiana: {{{edizioneitaliana}}}
Supervisione artistica: {{{supervisioneartistica}}}
Sincronizzazione: {{{sincronizzazione}}}
Fotografia di Robert Burks
Musiche di Franz Waxman
Effetti speciali a cura di '
Montaggio di George Tomasini
Scenografie a cura di Hal Pereira, Joseph MacMillan Johnson, Sam Comer e Ray Mayer
Premi:
Fotografia di {{{nomefotografo}}}
Musiche di {{{nomemusicista}}}
Effetti speciali a cura di {{{nomeeffettispeciali}}}
Montaggio di {{{nomemontatore}}}
Scenografie a cura di {{{nomescenografo}}}
Premi:
{{{nomepremi}}}


« È tutto perfetto, Lisa! Come sempre! »
(L.B. Jeffries)

La finestra sul cortile (Rear Window) è un film del 1954 diretto da Alfred Hitchcock, tratto dall'omonimo racconto di Cornell Woolrich.

Nel 1997 è stato scelto per la preservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.

Indice

Trama

Un fotoreporter di successo, L.B. "Jeff" Jeffries, è costretto su una sedia a rotelle da una frattura alla gamba sinistra riportata in un incidente di lavoro.

Immobilizzato nel proprio appartamento e annoiato per la forzata inattività, Jeff inizia a osservare i suoi vicini di casa, servendosi di un binocolo e della propria macchina fotografica con teleobiettivo. Nel frattempo la sua fidanzata, Lisa Freemont, una sofisticata ragazza dell'alta società e indossatrice a tempo perso, si reca regolarmente a fargli visita, sfruttando l'occasione per insistere con Jeff sul loro matrimonio e sulla possibilità di fargli aprire uno studio professionale, in modo da averlo vicino e non più in giro per il mondo: il reporter, però, giudicando incompatibili i loro due stili di vita, vorrebbe mantenere la loro relazione così com'è, immaginando che in qualsiasi altro modo essa sarebbe destinata al naufragio.

Tra una discussione e l'altra con Lisa, Jeff continua a osservare gli eventi che si svolgono negli appartamenti di fronte al suo e che si affacciano sullo stesso cortile, familiarizzando con i movimenti quotidiani degli inquilini: una coppia sposata da pochi giorni, una ballerina piuttosto procace, un compositore in crisi, una coppia senza figli che ha riversato il proprio affetto su un cagnolino, una zitella dal cuore solitario, una single con manie d'arte e una coppia di coniugi, i Thorwald, in crisi matrimoniale.

Una notte Jeff viene svegliato da un urlo di donna: comincia da quel momento a prestare particolare attenzione agli strani movimenti che si verificano nell'appartamento dei Thorwald al punto da convincersi che Lars Thorwald abbia ucciso la moglie e ne abbia sezionato e fatto sparire il cadavere...

Remake

  • Nel 1998 viene realizzato, per la regia di Jeff Bleckner, un remake dell'opera di Hitchcock, di valore certamente inferiore, in cui a salvarsi dalle critiche fu il solo Christopher Reeve, da alcuni anni realmente tetraplegico, che interpretava il ruolo di un architetto paralizzato (il ruolo di Jeff). Viene riproposta la figura del detective, Robert Forster, ma al posto di Lisa viene introdotta invece la figura di una sua collega, Daryl Hannah: la vicenda si sviluppa, bene o male, come nel film originario, ma viene persa - come detto - tutta la tensione e l'atmosfera del film originale.
  • Anche i Simpson hanno fatto una parodia del film nella puntata "La finestra sul giardino", dove Bart, rottosi una gamba cadendo da un albero, si estranea da tutti; spia i vicini con un telescopio regalatogli da Lisa e inizia a sospettare che Ned Flanders abbia ucciso la moglie e l'abbia seppellita in giardino. Nell'episodio appare anche una caricatura di James Stewart, con macchina fotografica e gamba ingessata, che spia a sua volta Bart e crede voglia ucciderlo.
  • Il film del 2007 del regista D.J. Caruso, Disturbia, sebbene non possa essere considerato un remake, è stato sicuramente molto influenzato da La finestra sul cortile; qui, infatti, un ragazzo agli arresti domiciliari, per passare il tempo comincia a spiare i vicini dalla finestra, con l'aiuto di Ronnie, suo migliore amico e la sua futura fidanzata Ashley, assistendo anch'egli ad un probabile delitto.
  • Anche in un episodio della serie Linda e il brigadiere, dal titolo "L'asciugamano scomparso", viene fatto un omaggio al film, con Nino Manfredi che, costretto anch'egli in casa da una gamba ingessata, spia i vicini e si ritroverà a indagare sulla misteriosa scomparsa di un antennista.

Il ridoppiaggio

Causa restauro tecnico effettuato dalla Universal nei primi anni '80, per la versione video, il film fu ridoppiato. Per la parte di James Stewart fu scelto Giorgio Piazza, che tra l'altro aveva una vocalità molto simile a quella di Gualtiero De Angelis; Maria Pia Di Meo doppia invece Grace Kelly. Questa versione è quella che comunemente si trova in circolazione in televisione e in DVD.

Collegamenti esterni

  • cinema Portale Cinema: accedi alle voci de enciclopediadeldoppiaggio che trattano di cinema


Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
DOPPIAGGIO
INDICI A-Z
Strumenti