Avatar (film 2009)

Da Enciclopedia del Doppiaggio.it.


Avatar2009-2.jpg
Avatar2009.jpg

Avatar (2009)
Avatar | Stati Uniti d'America
regia di James Cameron
162 minuti | colore | fantascienza
una produzione James Cameron, Jon Landau
scritto da James Cameron

Current user rating: 70% (4 votes)

 You need to enable Javascript to vote

Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Interpreti e personaggi
{{{attori}}}
Doppiatori originali
{{{doppiatorioriginali}}}
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
{{{doppiatoriitaliani}}}
Doppiatori italiani
Doppiatori trailer
{{{trailer}}}
Doppiaggio italiano: Technicolor spa
Direzione del doppiaggio: Tonino Accolla
Adattamento dialoghi italiani: Tonino Accolla
Assistente al doppiaggio: Roberta Schiavon
Fonico di doppiaggio: Mario Frezza
Fonico di mix: Gianni Pallotto
Sonorizzazione: {{{sonorizzazione}}}
Edizione italiana: {{{edizioneitaliana}}}
Supervisione artistica: {{{supervisioneartistica}}}
Sincronizzazione: {{{sincronizzazione}}}
Fotografia di {{{fotografo}}}
Musiche di {{{musicista}}}
Effetti speciali a cura di {{{effettispeciali}}}
Montaggio di {{{montatore}}}
Scenografie a cura di {{{scenografo}}}
Premi:
{{{premi}}}
Fotografia di Mauro Fiore
Musiche di James Horner
Effetti speciali a cura di Joe Letteri, Damian Fisher, Iain Hutton, Phil McLaren, Philip Sharpe
Montaggio di {{{nomemontatore}}}
Scenografie a cura di Rick Carter, Martin Laing, Robert Stromberg



« Manderanno un messaggio per dirci che loro possono prendersi tutto quello che vogliono ma, noi manderemo il nostro messaggio...
Questa, questa è la nostra terra!
 »
(Jake Sully)

Avatar è un film di fantascienza del 2009, scritto, diretto e prodotto da James Cameron e interpretato tra gli altri da Sam Worthington, Zoe Saldana, Sigourney Weaver, Giovanni Ribisi e Michelle Rodríguez.

È stato distribuito nei cinema di tutto il mondo tra il 16 e il 18 dicembre 2009. L'Italia e la Svizzera italiana, dove è uscito il 15 gennaio 2010, sono gli ultimi Paesi al mondo in cui è stato distribuito.[1] Tale ritardo è dipeso dalla volontà della 20th Century Fox, che distribuisce il film, di non mettere la pellicola in concorrenza con i cinepanettoni natalizi di Christian De Sica e Leonardo Pieraccioni,[2] preferendo puntare su Amelia.

Il film è stato pubblicato nel tradizionale formato 2D, ma ha visto anche un'ampia diffusione in 3D e in 3D IMAX. Lo stesso Cameron, che è un forte sostenitore del 3D come futuro del cinema, ha dichiarato che si avrebbe un'esperienza più completa guardando Avatar in tre dimensioni, poiché il film è stato da lui appositamente pensato per essere visto in quel modo.[3] Costato 237 milioni di dollari,[4] Avatar ne ha finora incassati oltre due miliardi,[5][6] diventando il film che ha incassato di più nella storia del cinema.[7]

Avatar è inoltre il primo film ad utilizzare il nuovo logo della 20th Century Fox, animato da Blue Sky Studios, creatori de L'era glaciale.

Indice

Trama

Stop hand.png

Attenzione, da qui in poi questo articolo contiene spoiler.

Nel 2154 una compagnia interplanetaria terrestre, la RDA, intende sfruttare i giacimenti minerari di Pandora, luna del pianeta gassoso Polifemo, appartenente al sistema stellare Alfa Centauri.

Pandora è un mondo primordiale, ricoperto da foreste pluviali e alberi alti fino a trecento metri, ed è abitato da creature di tutti i tipi, tra cui degli umanoidi senzienti chiamati Na’vi, alti tre metri e ricoperti da una pelle blu striata. L'aria del pianeta non è respirabile dagli umani se non impiegando maschere filtranti, pertanto gli scienziati hanno sviluppato degli avatar, ibridi genetici tra umano e Na'vi: attraverso un'interfaccia mentale] un uomo può collegare i propri sensi nervosi alla creatura, immedesimandosi e controllandola esattamente come se fosse il proprio corpo. Tale collegamento è possibile solo quando l'essere umano cade in una sorta di coma all'interno di una speciale capsula tecnologica.

La RDA vuole sfruttare il pianeta principalmente per l'unobtanium, un cristallo ferroso che ha la capacità unica nella galassia di fungere da superconduttore a temperatura ambiente,con un forte campo magnetico; il suo sfruttamento potrebbe risolvere i gravi problemi energetici che assillano la Terra da decenni, ed il maggiore giacimento si trova nel sottosuolo dell'insediamento principale dei Na'vi. Mentre la via diplomatica battuta dalla dottoressa Grace Augustine sembra non portare frutti, il colonnello Quaritch ed il dirigente Parker Selfridge preparano un attacco militare.

Nel frattempo, l'ex marine invalido Jake Sully viene chiamato a sostituire il fratello, ucciso durante una rapina. L'uomo era uno scienziato e l'avatar che avrebbe dovuto guidare era stato realizzato appositamente con il suo codice genetico, e quindi solo Sully, essendo il suo gemello, avrebbe potuto guidarlo. Sully ignora ogni cosa su Pandora e i Na'vi, ma lo entusiasma la possibilità di poter tornare a camminare, e accetta il patto offertogli dal colonnello: un operazione per riavere le sue gambe, in cambio di informazioni per l'attacco.

Durante una spedizione nella foresta, Sully entra in contatto con Neytiri, guerriera Na'vi che vede in lui segni di Eywa, la divinità sacra. Sully si dichiara intenzionato a conoscere i loro usi e costumi e nonostante la diffidenza del guerriero Tsu'Tey, Sully viene accompagnato da Neytiri nell'apprendere il suo popolo e il loro rapporto empatico verso le creature dell'intero pianeta, un fenomeno che secondo Grace nasce da un legame biochimico tra le radici di ogni albero del pianeta, che unisce come fossero sinapsi.

Sully viene infine accolto dalla tribù, e finisce con l'innamorarsi di Neytiri, ricambiato. Non riesce però ad impedire l'attacco al loro villaggio: l'albero-casa crolla e i Na'vi fuggono disperati, vedendo Sully come un traditore. Mentre Neytiri lo abbandona, lui viene accusato di opporsi all'attacco anche da parte dei militari, che lo rinchiudono in cella.

Riuscito a fuggire con Grace, il collega Norm e l'elicotterista Trudy, Sully raggiunge il suo avatar e i Na'vi, ora raccolti attorno all'albero delle anime, un luogo sacro per loro. Sully riesce a domare l'ikran Turuk, la più grande creature volante di tutti i cieli, un'impresa considerata leggendaria. Grazie a questo simbolo riesce a radunare molti clan Na'vi, così da preparasi al successivo attacco della RDA. La battaglia che segue vede i militari che, tra bombardieri e fanteria, dominano gli scontri, finché le preghiere ad Eywa non vengono accolte: sono gli stessi animali di Pandora a guidare la carica, arrivando a sconfiggere gli umani, e lo stesso colonnello viene eliminato.

I Na'vi raggiungono infine la base terrestre, obbligando i soldati a lasciare il pianeta, mentre Sully partecipa ad una sacra cerimonia, nella quale lascia il suo corpo umano, trasferendosi definitivamente nel suo avatar.

Ambientazione

Il pianeta Pandora (che prende il nome da un'omonima figura della mitologia greca) è l'ambientazione principale del film: dista dalla Terra 4,4 anni luce e fa parte del sistema stellare triplo Alpha Centauri. Pandora è una delle tante lune del pianeta Polyphemus, il quale ha le dimensioni di Saturno. Il suo "sole" è la stella Alpha Centauri A].

Ad eccezione dei Na’vi, sembra che su Pandora ogni animale abbia sei arti, di cui quattro nella parte anteriore del corpo e due in quella posteriore. Ogni animale inoltre è dotato di una appendice neuronale che gli consente di "interfacciarsi" con la rete di alberi del pianeta e con altri animali. Su Pandora esiste poi un insieme di rilievi chiamati Montagne Fluttuanti, dette così perché sospese a mezz'aria. Nel corso del film non vengono date spiegazioni su come questo avvenga, anche se si lascia intuire che il galleggiamento sia dovuto al materiale di cui sono costituite e all'interazione dei campi magnetici di Pandora e Polyphemus.[8]


Produzione

Origini del progetto

Avatar è un progetto cinematografico ideato da James Cameron nel 1996: in quell'anno il regista stese 80 pagine di copione,[9] ma nonostante le buone premesse e la volontà di portare sul grande schermo la sceneggiatura, dovette archiviare il tutto per dedicarsi al più concreto e tanto atteso Titanic.[10]

All'epoca dell'ispirazione, Cameron parlò di come avesse tratto l'idea dalla saga letteraria fantascientifica John Carter di Marte scritta da Edgar Rice Burroughs, e di come avrebbe voluto aggiornarla in chiave futuristica; in aggiunta disse che nella sua storia vedeva la rappresentazione del guerriero che affronta un ambiente alieno sfidando la paura della diversità.[9]

Nel 1996, fu stimato che per costruire tutti gli scenari galattici e gli altri caratteri fantascientifici del progetto sarebbero serviti più di 400.000.000 $, cifra all'epoca irraggiungibile anche per una produzione di alto livello.[11] Per rendersi conto dell'enormità della cifra basta pensare che per il successivo film di Cameron Titanic verrà spesa circa la metà del costo stimato per Avatar diventando ugualmente il film più costoso della storia del cinema fino a quel momento.

In agosto, Cameron dichiarò che sarebbe tornato ad Avatar solo dopo aver terminato Titanic, e che un'ulteriore impresa nella realizzazione del mastodontico film sarebbe stato filmarlo interamente in digitale[10]; altra notevole informazione fu la richiesta della società Digital Domain di curare gli effetti speciali visivi in futuro.[12]


Accoglienza

Incassi

Il 3 gennaio 2010, quindi dopo soli 17 giorni dall'uscita ufficiale negli Stati Uniti, Avatar ha raggiunto e superato il miliardo di dollari d'incassi, battendo in velocità ognuno degli altri quattro film che finora hanno raggiunto il miliardo (il primo è stato il precedente film di Cameron, Titanic, che l'ha raggiunto nel corso del 1998).

Il 6 gennaio, quindi in soli 20 giorni, è divenuto il secondo maggior incasso della storia del cinema, avendo in tale giorno raggiunto un incasso mondiale di 1.135.383.229 dollari, 374.445.852 dei quali ottenuti nei soli Stati Uniti.[13]

Il 25 gennaio, quindi in soli 39 giorni, è divenuto il maggior incasso della storia del cinema, avendo in tale giorno raggiunto un incasso mondiale di 1.858.866.889 dollari, superiore ai 1.843.201.268 finali ottenuti da Titanic, il film che deteneva il record da 12 anni.[14]

Il 31 gennaio, quindi in soli 45 giorni, è divenuto il primo film nella storia del cinema ad aver raggiunto e superato i due miliardi di dollari di incasso mondiale, grazie alla cifra record di 2.039.222.000 dollari.[5][15]

Nel week end che va dal 5 al 7 febbraio, Avatar ha perso per la prima volta il primato di incassi del fine settimana al box office americano. Il film è stato battuto dal romantico Dear John.

Nelle prime 24 ore di proiezione in Italia ha incassato la cifra record di oltre 2.100.000 euro con una distribuzione in 925 sale, 416 delle quali in 3D.[16] Nel primo weekend di uscita in Italia ha incassato, secondo i dati Cinetel, 9 milioni 651 mila euro.[17]


Sequel

Nel 2006 Cameron ha dichiarato che, se Avatar avesse avuto successo, sarebbero stati probabilmente realizzati due sequel del film.[18] In risposta al successo internazionale ottenuto, Cameron ha confermato la concreta possibilità di girare i due seguiti.[19][18]

Cameron ha affermato che l'arco della storia sviluppato per Avatar è abbastanza ampio da coprire i film futuri,[20] possibilità che ha considerato sin dall'inizio, arrivando ad includere nel film alcune scene che lo collegano ad una continuazione.[21] Il primo sequel avrebbe inizio dopo gli eventi del primo film, e continuerebbe a seguire i personaggi di Jake e Neytiri.[22] Sam Worthington ha firmato per il ritorno nel ruolo di Jake Sully nei sequel futuri, e Stephen Lang, che ha interpretato il colonnello Miles Quaritch, è convinto che il suo personaggio possa fare ritorno: «Pensate che quelle due frecce nel mio petto mi impediranno di tornare?». Lang ha affermato ad Entertainment Weekly che «Nulla è finito fino a quando hanno il mio DNA».[21]

Note

  1. Date di uscita per Avatar (2009). IMDb. URL consultato il 10-02-2010.
  2. Francesca Di Belardino. Il film “Avatar" uscirà in Italia con un mese di ritardo. Yahoo! Cinema, 2 novembre2009. URL consultato il 20-01-2010.
  3. Silvia Bizio. «Cameron:"Avatar è il futuro, il cinema sarà salvato dal 3D"». la Repubblica.it, 4 dicembre 2009. URL consultato in data 20-01-2010.
  4. Avatar , un miliardo di dollari in 17 giorni: incasso record. CorrieredellaSera.it, 3 gennaio 2010. URL consultato il 10-02-2010.
  5. 5,0 5,1 (EN) Avatar. Box Office Mojo. URL consultato il 20-01-2010.
  6. (EN) Avatar. The Numbers. URL consultato il 20-01-2010.
  7. Il sorpasso del secolo. fantascienza.com, 28 gennaio 2010. URL consultato il 10-02-2010.
  8. Wilhelm, Mathison, op. cit., cap. 1
  9. 9,0 9,1 Jeff Jensen. (EN) Great Expectations. Entertainment Weekly, 10 gennaio 2007. URL consultato il 19-01-2008.
  10. 10,0 10,1 Judy Hevrdejs, Mike Conklin. «Channel 2 has Monday morning team in place», Chicago Tribune, 9 agosto 1996. URL consultato in data 19-01-2008.
  11. (EN) Randy McMuller, Joe Garofoli. «People». Contra Costa Times, 9 agosto 1996. URL consultato in data 19-1-2008.
  12. (EN) «Synthetic actors to star in 'Avatar'». St. Petersburg Times, 12 agosto 1996. URL consultato in data 19-1-2008.
  13. Avatar è già il secondo incasso mondiale della storia!
  14. E' ufficiale: Avatar batte Titanic ed entra nella storia del cinema
  15. Avatar dei record: superati due miliardi di dollari di incassi
  16. L'Occidentale - Arriva nelle sale italiane Avatar, l'attesa pellicola di James Cameron. URL consultato il 20 gennaio 2010.
  17. Cinetel - I dieci film più visti dall'11/12/2010 al 17/12/2010, URL consultata il 20 gennaio 2010
  18. 18,0 18,1 Larry Carroll . «'Titanic' Mastermind James Cameron's King-Size Comeback: Two Sci-Fi Trilogies», 29-6-2006. URL consultato in data 18-10-2006.
  19. Adam Rosenberg . «'Avatar' Sequel Confirmed By James Cameron... And Here's What We'd Like To See», 8-1-2010. URL consultato in data 11-1-2010.
  20. A Few Questions for James Cameron. 21-12-2009
  21. 21,0 21,1 James Cameron Planning 'Avatar' Trilogy. Yahoo.com, 14-1-2010. URL consultato il 17-1-2010.
  22. Eric Ditzian. «James Cameron Talks 'Avatar' Sequel Plans», MTV. URL consultato in data 2-1-2010.

Collegamenti esterni

  • cinema Portale Cinema: accedi alle voci de enciclopediadeldoppiaggio che trattano di cinema


Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
DOPPIAGGIO
INDICI A-Z
Strumenti