Memento

Da Enciclopedia del Doppiaggio.it.


{{{immagine2}}}
Memento.jpg

Memento (2000)
Memento | USA
regia di Christopher Nolan
113 min | colore | drammatico, thriller
una produzione Chris J. Ball, Elaine Dysinger, Aaron Ryder, Emma Thomas, Jennifer Todd, Suzanne Todd, William Tyrer
scritto da Christopher Nolan, Jonathan Nolan

soggetto Jonathan Nolan
Current user rating: 46% (6 votes)

 You need to enable Javascript to vote

Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Interpreti e personaggi
{{{attori}}}
Doppiatori originali
{{{doppiatorioriginali}}}
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
{{{doppiatoriitaliani}}}
Doppiatori italiani
Doppiatori trailer
{{{trailer}}}
Doppiaggio italiano: Voltumnia Film
Direzione del doppiaggio: Nicoletta Negri
Adattamento dialoghi italiani: {{{dialoghiitaliani}}}
Assistente al doppiaggio: {{{assistentedoppiaggio}}}
Fonico di doppiaggio: {{{fonicodoppiaggio}}}
Fonico di mix: {{{fonicomix}}}
Sonorizzazione: {{{sonorizzazione}}}
Edizione italiana: {{{edizioneitaliana}}}
Supervisione artistica: {{{supervisioneartistica}}}
Sincronizzazione: {{{sincronizzazione}}}
Fotografia di {{{fotografo}}}
Musiche di {{{musicista}}}
Effetti speciali a cura di {{{effettispeciali}}}
Montaggio di {{{montatore}}}
Scenografie a cura di {{{scenografo}}}
Premi:
{{{premi}}}
Fotografia di Wally Pfister
Musiche di David Julyan
Effetti speciali a cura di Andrew Sebok
Montaggio di {{{nomemontatore}}}
Scenografie a cura di '
Premi:
* 4 Independent Spirit Awards 2002: miglior film, miglior regista, miglior sceneggiatura, Miglior attrice non protagonista (Carrie-Anne Moss)


« Ricordati di non dimenticare. »

Memento è un film del 2000 diretto da Christopher Nolan.

La sceneggiatura è basata sul racconto del fratello del regista, Jonathan Nolan, Memento Mori, che però è uscito successivamente alla realizzazione del film.

Indice

Trama

Leonard Shelby, tentando di salvare la moglie da due malviventi, rimane gravemente ferito alla testa; tale trauma gli causa l'impossibilità di accumulare nuovi ricordi, che svaniscono dalla sua mente pochi minuti dopo averli acquisiti. Dal momento dell'incidente, che resta anche l'ultimo ricordo fissato nella sua memoria, l'unico scopo nella sua vita è trovare e punire l'uomo che ha violentato e ucciso sua moglie. Determinato e consapevole del suo problema, prende appunti e fotografa con la Polaroid tutto quello che gli può essere utile e che dimenticherà dopo pochi minuti. Il suo corpo è pieno di tatuaggi sui quali appunta gli avvenimenti e i dati più importanti nella ricerca del colpevole.

Il montaggio

Stop hand.png

Attenzione, da qui in poi questo articolo contiene spoiler.

Il montaggio del film procede su due binari: le scene che si susseguono sono alternativamente l'ultima in ordine cronologico, poi la prima, poi la penultima, poi la seconda, e così via. La scena finale del film è quindi quella cronologicamente centrale, che rappresenta il punto di scioglimento dell'intreccio. La tecnica replica il punto di vista del protagonista, che, afflitto di mancanza di memoria a breve termine, dimentica tutto ciò che ha vissuto nell'immediata precedenza. Lo spettatore, vedendo eventi di cui ancora non ha visto ciò che li precedono, si trova nella stessa condizione di spaesamento. Ma al di là della trama, il film è incentrato sulla necessità umana di ancorare la vita a una successione temporale di eventi. Nel momento in cui ciò non è possibile, essa stessa diventa qualcosa di non gestibile. Il protagonista non sa neppure quanto tempo è passato dall'incidente e ogni volta che si risveglia scopre di nuovo tutto da capo, così come dopo pochi minuti non ricorda assolutamente ciò che stava facendo. Ciononostante, la necessità di avere uno scopo è così forte da spingerlo a continuare a vivere grazie "all'istinto, all'urto e al metodo".

Nella versione distribuita in DVD è inclusa una copia del film con le scene montate in ordine cronologico, ovvero in maniera linearmente sequenziale. A parere di molti critici si tratta comunque di un'operazione che nulla aggiunge e nulla toglie, rendendo la storia piatta, scarica di quella suspence e inquietudine che il montaggio originale intende trasmettere allo spettatore.

Curiosità

  • Il numero di telefono di Teddy (555-0134), è lo stesso di Marla Singer in Fight Club di David Fincher, uscito nel 1999.
  • Il tatuaggio che rappresenta la targa del veicolo di John G, è diversa da quella effettiva alla quale dovrebbe corrispondere (una I confusa con un 1).
  • Verso la fine del film, si vede il protagonista, Leonard, che parla al telefono e racconta la storia di un certo Sammy. Mentre si vede Sammy ricoverato in un ospedale psichiatrico, passa davanti a lui un'infermiera che lo copre per un momento, quando l'infermiera è passata, al posto di Sammy e nello stesso posto, è seduto proprio Leonard, a dimostrazione del fatto che la testa del protagonista è molto confusa, come si capisce nel finale. (1:26:21)
  • Il sito ufficiale del film è www.otnemem.com, cioè memento scritto al rovescio.
  • Nel finale si vede una scena di pochi istanti, dove, sdraiati sul letto Leonard è abbracciato da sua moglie, si legge una scritta tatuata sul petto di Leonard all'altezza del cuore "I've done it", "l'ho fatto". (1:45:20)
  • La parola memento (parola latina, letteralmente "ricordati", imperativo 2° pers. singolare) in inglese indica comunemente qualsiasi oggetto utilizzato per ricordarsi di qualcosa, compresi i foglietti con note e appunti come quelli che si vedono nel film stesso.
  • Il nome del negozio di tatuaggi (Emma Thomas) è lo stesso dell'associate producer (cfr ultima scena e inizio titoli di coda). Emma Thomas è citata come la fidanzata di Christopher Nolan, regista del film, nella recensione di "Memento" su http://en.wikipedia.org/wiki/Memento_(film)


Collegamenti esterni



Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
DOPPIAGGIO
INDICI A-Z
Strumenti