Sleepers

Da Enciclopedia del Doppiaggio.it.


Sleepers-2.jpg
Sleepers.jpg

Sleepers (1996)
Sleepers | USA
regia di Barry Levinson
140 min | colore | drammatico

scritto da Barry Levinson

soggetto Lorenzo Carcaterra
Current user rating: 80% (5 votes)

 You need to enable Javascript to vote

Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Interpreti e personaggi
{{{attori}}}
Doppiatori originali
{{{doppiatorioriginali}}}
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
{{{doppiatoriitaliani}}}
Doppiatori italiani
Doppiatori trailer
{{{trailer}}}
Doppiaggio italiano: C.D.C.
Direzione del doppiaggio: Maria Pia Di Meo
Adattamento dialoghi italiani: Alberto Piferi
Assistente al doppiaggio: Sabina Razzi
Fonico di doppiaggio: {{{fonicodoppiaggio}}}
Fonico di mix: {{{fonicomix}}}
Sonorizzazione: Fono Roma Film Recording
Edizione italiana: Claudio Razzi
Supervisione artistica: {{{supervisioneartistica}}}
Sincronizzazione: {{{sincronizzazione}}}
Fotografia di {{{fotografo}}}
Musiche di {{{musicista}}}
Effetti speciali a cura di {{{effettispeciali}}}
Montaggio di {{{montatore}}}
Scenografie a cura di {{{scenografo}}}
Premi:
{{{premi}}}
Fotografia di Michael Ballhaus
Musiche di John Williams
Effetti speciali a cura di '
Montaggio di {{{nomemontatore}}}
Scenografie a cura di Kristi Zea, Timothy Galvin
Premi:



« Possiamo solo tenercelo dentro, parlarne la renderebbe più dura, tanto vale non parlarne più. La verità ci resta dentro. »
( Michael Sullivan)

Sleepers è un film del 1996 diretto da Barry Levinson, tratto dall'omonimo romanzo di Lorenzo Carcaterra[1].

Indice

Trama

Stop hand.png

Attenzione, da qui in poi questo articolo contiene spoiler.

Il film si divide in due parti molto definite: l'adolescenza e la maturità di quattro amici, Lorenzo Carcaterra (Joseph Perrino da giovane - Jason Patric da adulto), Michael Sullivan (Brad Renfro - Brad Pitt), John Reilly, (Geoffrey Wigdor - Ron Eldard) e Tommy Marcano (Jonathan Tucker - Billy Crudup) che vivono ad Hell's Kitchen, una zona all'epoca malfamata di New York, sita nella Midtown West di Manhattan e, temporalmente, tra la metà degli anni sessanta e l'inizio degli anni ottanta. I quattro vivono una realtà sociale con codici di comportamento dettati dalla malavita e tutti sopportano situazioni familiari difficili trovando conforto solo nell'unione della loro amicizia e nell'ambiente che li "protegge", non tollerando sgarri agli abitanti della zona. Le uniche persone ad interagire nel loro gruppo sono Carol Martinez (Minnie Driver), una ragazza meticcia ed unica presenza femminile della storia e Padre Roberto Carrillo (Bobby) (Robert De Niro), un prete con un passato di delinquente e per il quale i giovani servono messa nella sua parrocchia. Il loro punto di riferimento nella zona è King Benny (Vittorio Gassman), un anziano boss della malavita con un passato di killer al soldo di Lucky Luciano, per il quale i ragazzi, sognando guadagni facili, fanno piccoli lavori. In una torrida giornata dell'estate del 1967 i quattro vogliono rubare degli hotdog ad un venditore ambulante e Lorenzo scappa senza pagare dopo averne preso uno allo scopo di farsi correre dietro dal venditore mentre gli altri tre si servono dal carrello rimasto incustodito; i tre decidono di lasciare in bilico il carrello all'uscita di una fermata della metropolitana con l'idea di tenere impegnato l'uomo per distrarlo dalla loro fuga ma purtroppo, a causa del peso, il carrello sfugge loro di mano e in fondo alla scala ferisce gravemente un passeggero che stava uscendo dalla stazione della metropolitana...

Critiche

Sono stati espressi dubbi sulla natura autobiografica del racconto: si è scritto infatti che "l’autore Lorenzo Carcaterra confessa, sotto il velame affabulatorio ma con tutti gli inerenti rischi giudiziari, di aver preso parte come giornalista a una congiura coinvolgente un magistrato fellone e un sacerdote spergiuro per far assolvere una coppia di assassini davanti a un tribunale di New York. Meglio classificare il tutto come opera di fantasia e assegnarla al filone romanzesco della vendetta, che si diparte da Il conte di Montecristo più volte citato sulla pagina e sullo schermo".[2]

Note

  1. Lorenzo Carcaterra, Sleepers, 1996, Rizzoli
  2. Tullio Kezich, Il Corriere della Sera, 29 ottobre 1996

Collegamenti esterni

  • cinema Portale Cinema: accedi alle voci de enciclopediadeldoppiaggio che trattano di cinema


Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
DOPPIAGGIO
INDICI A-Z
Strumenti