Scent of a Woman - Profumo di donna

Da Enciclopedia del Doppiaggio.it.
« Non sono giudice né giurato, ma vi dico una cosa... quest'uomo non venderà mai nessuno per comprarsi un futuro, e questa, amici miei si chiama onestà, si chiama coraggio, e cioè quelle cose di cui un leader dovrebbe essere fatto. »
(Il tenente colonnello Frank Slade tiene il suo discorso educativo dinanzi alla Bert School.)


{{{immagine2}}}
Scentofawoman.jpg

Scent of a Woman - Profumo di donna (1992)
Scent of a Woman | Stati Uniti
regia di Martin Brest
154 min. | colore | drammatico
una produzione Martin Brest
scritto da Bo Goldman

soggetto Giovanni Arpino (romanzo)
Current user rating: 100% (3 votes)

 You need to enable Javascript to vote

Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Interpreti e personaggi
{{{attori}}}
Doppiatori originali
{{{doppiatorioriginali}}}
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
{{{doppiatoriitaliani}}}
Doppiatori italiani
Doppiatori trailer
{{{trailer}}}
Doppiaggio italiano: Gruppo Trenta
Direzione del doppiaggio: Pino Colizzi
Adattamento dialoghi italiani: {{{dialoghiitaliani}}}
Assistente al doppiaggio: {{{assistentedoppiaggio}}}
Fonico di doppiaggio: {{{fonicodoppiaggio}}}
Fonico di mix: {{{fonicomix}}}
Sonorizzazione: {{{sonorizzazione}}}
Edizione italiana: {{{edizioneitaliana}}}
Supervisione artistica: {{{supervisioneartistica}}}
Sincronizzazione: {{{sincronizzazione}}}
Fotografia di {{{fotografo}}}
Musiche di {{{musicista}}}
Effetti speciali a cura di {{{effettispeciali}}}
Montaggio di {{{montatore}}}
Scenografie a cura di {{{scenografo}}}
Premi:
{{{premi}}}
Fotografia di Donald E. Thorin
Musiche di Thomas Newman
Effetti speciali a cura di '
Montaggio di {{{nomemontatore}}}
Scenografie a cura di '


Scent of a Woman - Profumo di donna (Scent of a Woman) è un film del 1992 diretto da Martin Brest.

È il rifacimento dell'omonimo film Profumo di donna del 1974, diretto da Dino Risi ed interpretato da Vittorio Gassman.

Indice

Trama

Stop hand.png

Attenzione, da qui in poi questo articolo contiene spoiler.

Il giovane Charles Simms, studente presso la Baird School di Boston, un istituto che vanta molti studenti giunti alla leadership del mondo politico alla Casa Bianca e in India, oltre che nel mondo economico e commerciale, è un giovane ingenuo dell’Oregon che non si rende conto di essere in gamba.

Dotato di sussidio per mantenersi agli studi, decide di arrotondare il suo piccolo patrimonio accettando piccoli lavori domestici come accompagnatore.

In occasione del week-end del Ringraziamento, viene assunto per fare da accompagnatore al tenente colonnello Frank Slade, un ufficiale non vedente ormai in congedo da cinque anni.

L’ultimo giorno di scuola, alcuni studenti suoi compagni, che del tutto casualmente scopre durante i preparativi, attaccano la nuova automobile del preside, il signor Trask, con un palloncino gigante che, una volta esploso, la ricopre di vernice, rovinandola irrimediabilmente.

Trask riceve Charles nel suo ufficio, e gli propone un subdolo accordo: se farà i nomi dei colpevoli, lui lo segnalerà all’università di Harvard come studente promettente, anche se non privilegiato socialmente.

Durante i giorni di festa, il giovane, tormentato da questa minaccia, trascorre il suo tempo con il colonnello Slade, che lo trascina a sorpresa a New York, rivelandosi un uomo dalla personalità poliedrica: a tratti irascibile e spigoloso, in altri istanti ironico e autoironico, in altri istanti irresistibile seduttore di donne, per le quali ha una particolare passione.

Il giorno del Ringraziamento, i due si recano a casa del fratello maggiore del colonnello, dove lui impressiona i commensali con aneddoti sconci. Il giorno dopo, per combattere lo strano abbattimento morale di Slade, Charles lo porta a fare un giro su una Ferrari, sua altra grande passione.

Nello stesso pomeriggio, in un fulmineo atto di eroico coraggio, il ragazzo lo salva da un tentato suicidio. A questo punto, tra i due si sviluppa un rapporto padre-figlio. Il giovane racconta dei suoi problemi a scuola, ma il colonnello rimane evasivo in fatto di consigli, in quanto ha già scoperto che Charles non intende svelare il nome dei colpevoli, non cedendo al ricatto del preside.

Terminato il rocambolesco week-end, l’intera Berd School viene convocata in assemblea da Trask, per discutere gli ultimi avvenimenti. A sorpresa appare il colonnello, il quale, durante un memorabile intervento, accusa la Berd School di preparare leader disonesti, se qualcuno ha potuto sperare di corrompere il giovane Charles assicurandogli un futuro.

A questo punto, la commissione di disciplina studenti-docenti scagiona Charles da ogni responsabilità nella vicenda, e un umiliato preside Trask ne prende atto.

Scentofawoman-2.jpg

Frank Slade

Frank Slade nasce a New York, e ha un fratello maggiore, W.R. Slade, commesso viaggiatore. È un uomo dalla personalità complessa: a tratti irascibile, altre volte poetico, e grande donnaiolo.

Si arruola nell’esercito, e presta servizio nello staff di Lyndon Johnson, sotto il comando del generale Abrahams. Raggiunto il grado di tenente-colonnello, dopo 26 anni di servizio, di cui 4 passati in Vietnam, viene assegnato a Fort Benning, dove insegna il combattimento corpo a corpo insieme al maggiore Vincent Squires. Un giorno, entrambi ubriachi, fanno un numero da giocoliere con una serie di bombe a mano prive della sicura. Il colonnello Slade, promuovibile a generale, ne perde una, e la conseguente esplosione lo ferisce gravemente agli occhi, causandogli la perdita permanente della vista.

Dopo essere stato per un periodo in un pensionato per ciechi di New York, si trasferisce a Boston, dalla nipote, figlia di W.R. In occasione del Giorno del Ringraziamento, viene assistito dal giovane Charles Simms, che frequenta la Baird School. La nipote e il marito vanno infatti da parenti, e lui rifiuta di seguirli. Dopo un weekend turbolento e chiassoso per le strade di New York, i due diventano amici, e Frank si offre di aiutare Charlie in un problema a scuola, testimoniando in suo favore.

Curiosità

  • Martin Brest, il regista di questo film, ha giudicato la sua esperienza con Al Pacino con questa frase: “Ci sono pochi attori tramite i quali Dio si esprime, e Al Pacino è uno di questi.”.
  • Paul Pellicoro, coreografo, ha giudicato Al Pacino come un vero artista disciplinato, con una sorprendente predisposizione al ballo del tango.
  • Al Pacino ha studiato la parte del tenente-colonnello Frank Slade con cura, per sembrare un vero e proprio non vedente, conquistando una grande conoscenza del mondo dei non vedenti. Ha preso contatti con l’Associated Blind e la Lighthouse, due rinomate associazioni per non vedenti di New York, incontrando regolarmente i loro clienti, ponendo loro domande su come hanno perduto la vista e come vivono senza di essa. Alla Lighthouse, ha inoltre appreso le azioni quotidiane di un cieco, dall’uso del bastone allo sviluppo del senso di orientamento, come versarsi da bere, accendersi un sigaro, trovarsi una sedia e servirsi di un’agenda telefonica. Per questo film, l'attore ha vinto un Oscar come migliore attore protagonista.
  • Al Pacino espresse a Chris O'Donnell questo giudizio: “Nonostante io non ti vedessi, mi sono accorto che eri grande.”.
  • Molte scene sono state girate all’hotel di lusso Waldorf-Astoria di New York. Per non ostacolare le normali attività dell’hotel, le riprese hanno avuto luogo di notte.
  • La prima parte della musica durante la sequenza del giro in Ferrari e la musica finale è di Charlie Chaplin ed è tratta da Luci della città. Anche in questo film la protagonista è cieca.

Collegamenti esterni

  • cinema Portale Cinema: accedi alle voci de enciclopediadeldoppiaggio che trattano di cinema


Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
DOPPIAGGIO
INDICI A-Z
Strumenti