La spiaggia (film 1954)

(Differenze fra le revisioni)
Andrea Razza (Discussione | contributi)
(Creata pagina con '{{Film |titoloitaliano = La spiaggia |titolooriginale = La spiaggia |immagine = 200px |immagine2= 750px |didascalia =...')
Differenza successiva →

Versione delle 19:49, 27 set 2015


Laspiaggia1954-2.jpg
Laspiaggia1954.jpg

La spiaggia (1954)
La spiaggia | Italia
regia di Alberto Lattuada
100 min | Ferraniacolor | commedia
una produzione Titanus Gamma, Film Francaise C.C.C.
scritto da Alberto Lattuada, Luigi Malerba, Rodolfo Sonego, Charles Spaak

soggetto Alberto Lattuada
Current user rating: 0% (0 votes)

 You need to enable Javascript to vote

Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
{{{doppiatorioriginali}}}
Interpreti e personaggi
{{{nomeattori}}}
Doppiatori italiani
Doppiatori italiani
{{{nomedoppiatoriitaliani}}}
Doppiatori trailer
{{{trailer}}}
Doppiaggio italiano: CDC
Direzione del doppiaggio: {{{direzionedoppiaggio}}}
Adattamento dialoghi italiani: {{{dialoghiitaliani}}}
Assistente al doppiaggio: {{{assistentedoppiaggio}}}
Fonico di doppiaggio: {{{fonicodoppiaggio}}}
Fonico di mix: {{{fonicomix}}}
Sonorizzazione: {{{sonorizzazione}}}
Edizione italiana: {{{edizioneitaliana}}}
Supervisione artistica: {{{supervisioneartistica}}}
Sincronizzazione: {{{sincronizzazione}}}
Fotografia di Mario Craveri
Musiche di Piero Piccioni
Effetti speciali a cura di '
Montaggio di Mario Serandrei
Scenografie a cura di Dario Cecchi, Maurizio Serra
Premi:
Fotografia di {{{nomefotografo}}}
Musiche di {{{nomemusicista}}}
Effetti speciali a cura di {{{nomeeffettispeciali}}}
Montaggio di {{{nomemontatore}}}
Scenografie a cura di {{{nomescenografo}}}
Premi:
{{{nomepremi}}}


La spiaggia è un film del 1954, diretto da Alberto Lattuada ed interpretato da Martine Carol, Raf Vallone, Valeria Moriconi e Mario Carotenuto.

Trama

Estate 1953. Decisa a recarsi in Liguria con la figlioletta Caterina per una breve vacanza, Anna Maria Mentorsi (che è in realtà una prostituta), sul treno che la conduce in riviera viene convinta da un simpatico signore (il quale in seguito si rivelerà essere il sindaco di Pontorno) a non scendere a Terrazzi, come aveva intenzione di fare in un primo tempo, ma ad alloggiare appunto nella cittadina di Pontorno. Creduta una vedova perbene, è dapprima accettata dalla buona società, dagli altri clienti dell'Hotel Palace e dai frequentatori del relativo stabilimento balneare, ma quando si scopre il suo mestiere, le si fa il vuoto intorno...

Il film è stato poi selezionato tra i 100 film italiani da salvare.[1]

Note

  1. Rete degli Spettatori.

Collegamenti esterni



Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
DOPPIAGGIO
INDICI A-Z
Strumenti