La 25ª ora (film)

(Differenze fra le revisioni)
(Note)
Riga 94: Riga 94:
 
*Nell'appartamento di Monty è presente il poster di ''[[Nick mano fredda]]'', diretto da [[Stuart Rosenberg]] nel [[1967]].
 
*Nell'appartamento di Monty è presente il poster di ''[[Nick mano fredda]]'', diretto da [[Stuart Rosenberg]] nel [[1967]].
 
* All'inizio del film, quando Monty entra in casa sua e sa già che deve andare in galera, dice: ''" vorrei essere come quella ragazza di ''[[X-Men]]'', quella che passa attraverso i muri"''. Questo è un riferimento al Fumetto''X-Men'', inoltre nella trasposizione cinematografica ''[[Anna Paquin]]'' (che interpreta l'alunna dell'amico di Monty) ha un ruolo (fa la ragazza col ciuffo bianco Rogue).
 
* All'inizio del film, quando Monty entra in casa sua e sa già che deve andare in galera, dice: ''" vorrei essere come quella ragazza di ''[[X-Men]]'', quella che passa attraverso i muri"''. Questo è un riferimento al Fumetto''X-Men'', inoltre nella trasposizione cinematografica ''[[Anna Paquin]]'' (che interpreta l'alunna dell'amico di Monty) ha un ruolo (fa la ragazza col ciuffo bianco Rogue).
 +
 +
[[File:La25ora-2.jpg|750px]]
  
 
==Note==
 
==Note==

Versione delle 16:11, 24 ott 2010


{{{immagine2}}}
La25ora.jpg

La 25ª ora (2002)
25th Hour | Stati Uniti
regia di Spike Lee
135 min | colore | drammatico
una produzione Spike Lee, Jon Kilik, Julia Chasman, Tobey Maguire, Edward Norton
scritto da David Benioff

soggetto David Benioff
Current user rating: 0% (0 votes)

 You need to enable Javascript to vote

Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
{{{doppiatorioriginali}}}
Interpreti e personaggi
{{{nomeattori}}}
Doppiatori italiani
Doppiatori italiani
{{{nomedoppiatoriitaliani}}}
Doppiatori trailer
{{{trailer}}}
Doppiaggio italiano: DEA 5
Direzione del doppiaggio: Silvia Monelli
Adattamento dialoghi italiani: Silvia Monelli
Assistente al doppiaggio: Viviana Barbetta
Fonico di doppiaggio: {{{fonicodoppiaggio}}}
Fonico di mix: {{{fonicomix}}}
Sonorizzazione: Sefit-CDC
Edizione italiana: {{{edizioneitaliana}}}
Supervisione artistica: {{{supervisioneartistica}}}
Sincronizzazione: {{{sincronizzazione}}}
Fotografia di Rodrigo Prieto
Musiche di Terence Blanchard
Effetti speciali a cura di '
Montaggio di Barry Alexander Brown
Scenografie a cura di James Chinlund
Premi:
* 2003 Central Ohio Film Critics (miglior colonna sonora: Terence Blanchard)
Fotografia di {{{nomefotografo}}}
Musiche di {{{nomemusicista}}}
Effetti speciali a cura di {{{nomeeffettispeciali}}}
Montaggio di {{{nomemontatore}}}
Scenografie a cura di {{{nomescenografo}}}
Premi:
{{{nomepremi}}}


La 25ª ora è un film del 2002, diretto da Spike Lee, tratto dal |romanzo omonimo scritto da David Benioff.

È uno dei primi film ambientati a New York dopo la tragedia dell'11 settembre 2001, ed il primo a mostrare Ground Zero.[1]

Considerato uno dei migliori film di Spike Lee,[1] è stato presentato in concorso al Festival di Berlino.

Indice

Trama

Monty Brogan (Edward Norton) è uno spacciatore di droga, fidanzato con Naturelle (Rosario Dawson), una ragazza portoricana. I suoi migliori amici sono Jacob (Philip Seymour Hoffman), un insegnante innamorato di una sua studentessa, e Frank (Barry Pepper), un agente di borsa. Monty ha anche un cane, con il quale passeggia per le strade di New York. Il padre, James (Brian Cox), è un vigile del fuoco in pensione che pensa ai colleghi uccisi l'11 settembre.

Monty è stato condannato a sette anni di carcere; dopo che la polizia in seguito ad una soffiata ha trovato nel suo appartamento molti contanti ed un chilo di eroina si appresta a vivere l'ultima sua notte di libertà in compagnia dei suoi amici e della sua fidanzata.

Monty non riesce a capacitarsi della sua colpa e in un monologo inizia a insultare tutti, prima di capire che il solo colpevole è lui.

Il gruppo si reca così in una discoteca, per salutare Monty. Questi però è convinto che non reggerà alla galera perché ha paura che lo violentino o lo uccidano. Si fa così picchiare da Frank, quindi saluta Naturelle e sale in auto con il padre, per recarsi in carcere.

James non si dirige verso la galera, ma intraprende un viaggio in una metaforica venticinquesima ora, dove Monty potrà rifarsi una vita e rimediare ai suoi errori. Il sogno si infrange, lasciando il posto al destino di Monty che si compie.

Collegamenti ad altre pellicole

  • La sequenza del monologo di Monty davanti allo specchio del bagno, in cui vengono visualizzate tutte le etnie che esso insulta, presenta delle analogie con una sequenza di Fa' la cosa giusta, diretto da Spike Lee nel 1989, in cui gruppi di etnie differenti si insultano a vicenda.
  • La sequenza dello specchio ricorda anche quella di Taxi Driver, diretto da Martin Scorsese nel 1976.
  • Il personaggio dell'agente Flood apparirà anche in Lei mi odia, diretto da Lee nel 2004.
  • Quando Monty si riferisce a Douglas-Gekko intende riferirsi a Wall Street, diretto da Oliver Stone nel 1987.
  • Alcune sequenze accelerate della città di New York ricordano quelle presenti in Koyaanisqatsi, diretto da Godfrey Reggio nel 1982.
  • Nell'appartamento di Monty è presente il poster di Nick mano fredda, diretto da Stuart Rosenberg nel 1967.
  • All'inizio del film, quando Monty entra in casa sua e sa già che deve andare in galera, dice: " vorrei essere come quella ragazza di X-Men, quella che passa attraverso i muri". Questo è un riferimento al FumettoX-Men, inoltre nella trasposizione cinematografica Anna Paquin (che interpreta l'alunna dell'amico di Monty) ha un ruolo (fa la ragazza col ciuffo bianco Rogue).

La25ora-2.jpg

Note

  1. 1,0 1,1 . Spike Lee, Kaleem Aftab Questa è la mia storia e non ne cambio una virgola. Milano, Kowalski editore, 2005.

Collegamenti esterni

Spike Lee
  • cinema Portale Cinema: accedi alle voci de enciclopediadeldoppiaggio che trattano di cinema


Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
DOPPIAGGIO
INDICI A-Z
Strumenti