I mercenari - The Expendables

Da Enciclopedia del Doppiaggio.it.


{{{immagine2}}}
ImercenariTheexpandables.jpg

I mercenari - The Expendables (2010)
The Expendables | Stati Uniti
regia di Sylvester Stallone
103 min | colore | avventura, azione
una produzione Avi Lerner, Kevin King Templeton, John Thompson, Robert Earl
scritto da Dave Callaham, Sylvester Stallone

soggetto Dave Callaham
Current user rating: 50% (2 votes)

 You need to enable Javascript to vote

Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Interpreti e personaggi
{{{attori}}}
Doppiatori originali
{{{doppiatorioriginali}}}
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
{{{doppiatoriitaliani}}}
Doppiatori italiani
Doppiatori trailer
{{{trailer}}}
Direzione del doppiaggio: Claudio Sorrentino
Adattamento dialoghi italiani: Serena Paccagnella
Assistente al doppiaggio: Serena Paccagnella
Fonico di doppiaggio: Franco Mirra
Fonico di mix: Franco Coratella
Sonorizzazione: Fono Roma Film Recording
Edizione italiana: {{{edizioneitaliana}}}
Supervisione artistica: {{{supervisioneartistica}}}
Sincronizzazione: {{{sincronizzazione}}}
Fotografia di {{{fotografo}}}
Musiche di {{{musicista}}}
Effetti speciali a cura di {{{effettispeciali}}}
Montaggio di {{{montatore}}}
Scenografie a cura di {{{scenografo}}}
Premi:
{{{premi}}}
Fotografia di Igor Meglic, Jeffrey L. Kimball
Musiche di Brian Tyler
Effetti speciali a cura di '
Montaggio di {{{nomemontatore}}}
Scenografie a cura di '
Premi:


I mercenari - The Expendables (The Expendables) è un film del 2010 diretto da Sylvester Stallone.

Il film, sceneggiato da Dave Callaham insieme allo stesso regista e protagonista Stallone, è un tributo ad una serie di film d'azione degli anni ottanta.

La storia del film è incentrata sulle vicende di alcuni attempati mercenari che accettano un ultimo incarico: rovesciare un dittatore dell'America latina garantendosi una pensione d'oro.

Indice

Trama

Stop hand.png

Attenzione, da qui in poi questo articolo contiene spoiler.

Nel golfo di Aden una banda di pirati viene sterminata e i loro ostaggi salvati, ad opera di un manipolo di uomini armati fino ai denti.

Si tratta di un piccolo gruppo internazionale di esperti mercenari che vivono nell'ombra e agiscono laddove nemmeno gli agenti segreti si spingono, uccidendo su commissione sempre nel rispetto degli accordi stipulati.

Al capo Barney Ross si affiancano Lee Christmas, secondo in comando e molto abile con i coltelli, Yin Yang reduce del Vietnam ed esperto delle arti marziali[1], Hale Cesar esperto di armi, Toll Road esperto di esplosivi e Gunnar Jensen, poi espulso dal team a causa della sua dipendenza dalle droghe e per lo scarso rispetto per l'autorità.

Quando il misterioso Mr. Church, offre a Ross un enorme somma di denaro per destituire il dittatore dell'isola di Vilena, un piccolo staterello del golfo del Messico, i mercenari accettano ben consapevoli che sarà molto dura. Vilena, come spiega loro Sandra, il giovane contatto locale, era un paese felice fin quando non è arrivato Munroe, agente della CIA che, con la copertura del capo dell'esercito locale, ha preso il potere per lucrare sui suoi sporchi traffici. Il compito per Barney e i suoi è talmente arduo da costringerli ad abbandonare l'isola per scoprire poi che il loro misterioso committente era anche lui della CIA. Ritiratosi di fronte ad un affare troppo intricato, Barney non riesce a dimenticare il coraggio della ragazza conosciuta a Vilena. Questa ha rifiutato di scappare con loro pur di continuare a combattere per il proprio paese, addirittura contro il suo stesso padre, il generale/dittatore.

Così, quando l'amico Tool, ormai ritaratosi gli dice che il suo più grande rimpianto è stato quello di non aver salvato la vita di una donna in Bosnia, Barney si convince che la cosa giusta da fare è quella di tornare a Vilena a salvare Sandra e il popolo sottomesso.

Sfuggito ad un attentato teso dal suo ex compagno Gunnar, ingaggiato da Munroe, Barney ottiene l'appoggio di tutti i compagni, per una missione difficilissima e che non prevede ricompense.

Tra cruenti corpo a corpo e violenti scontri armati i mercenari riescono abilmente ad eliminare Munroe e tutti i suoi uomini liberando così Vilena dalla dittatura ed esaudendo il desiderio della tenace Sandra.

Tornati in patria, i mercenari si ricompattano riabbracciando il "figliol prodigo" Gunnar che ha abbandonato le droghe e si riunisce ai vecchi compagni.

ImercenariTheexpandables-2.jpg

Cast

  • Sylvester Stallone interpreta Barney Ross, il capo della gang de I mercenari, nonché il più vecchio e mentore del gruppo. Jason Statham è Lee Christmas, il secondo al comando. Inizialmente 50 Cent[2] era in accordo con Stallone per interpretare Hale Caesar, ma dopo alcuni indecisioni, la parte è andata a Terry Crews[3]. In seguito Stallone scritturò Jackie Chan, ma il ruolo andò poi a Jet Li, mentre Mickey Rourke[4], dopo il successo di The Wrestler, è stato confermato nel film insieme a Dolph Lundgren[5], indimenticabile Ivan Drago nel film Rocky IV. Quest'ultimo film sempre diretto e sceneggiato da Stallone. Il suo ruolo doveva essere affidato a Jean Claude Van Damme, ma ha rifiutato. Arnold Schwarzenegger, amico di Stallone, partecipa al film solo in un cameo, mentre Bruce Willis interpreta Church, un uomo misterioso che ingaggia I mercenari.[6]
  • Il casting del film prevedeva dunque la presenza di molte icone del genere action:
    • Steven Seagal - il rifiuto è dovuto ad alcune diatribe avute in passato con lo stesso produttore che ora finanzia I mercenari.
    • Jean Claude Van Damme - ha rifiutato la parte perché nel copione doveva perdere uno scontro con Jet Li e non era d'accordo.
    • Wesley Snipes - non ha potuto prendere parte nel film a causa della condanna che grava su di lui.
    • Kurt Russell - ha preferito non prendere parte nel progetto poiché sembra che abbia abbandonato definitivamente il genere action.
    • Jackie Chan - Il suo rifiuto è dovuto a vecchi rancori con lo stesso Stallone.
    • Forest Whitaker - non ha potuto prendere parte al film, poiché lo slittamento delle riprese gli avrebbe impedito di partecipare a progetti già confermati.

Durante le riprese erano circolate voci infondate sulla presunta partecipazione del premio Oscar Sandra Bullock[7] e di Danny Trejo, il quale in un primo momento aveva accettato l'invito di Stallone (tanto che il 15 febbraio 2009 era stato confermato nel cast [8]), ma poi ha dovuto rinunciare perché impegnato nelle riprese di Machete (il nuovo film di Robert Rodriguez sviluppato dal finto trailer presente in Planet Terror), Trejo avrebbe dovuto interpretare il ruolo di Emanuel, un contatto sudamericano che aiuta gli Expendables [9].

Promozione

Dopo averli mostrati a Cannes, la Lionsgate ha pubblicato le versioni ufficiali del teaser poster e del billboard del film. Il primo video ufficiale è stato pubblicato dal blog gestito dalla pubblicista di Stallone. Le prime immagini del film sono state proiettate il 12 settembre alla cerimonia di chiusura della 66° Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia in occasione del "Premio Jaeger-LeCoultre Glory to the Filmmaker"[10] conferito a Stallone. Il produttore Avi Lerner' riferì che il film sarebbe stato ridotto in due versioni: la prima censurando scene di violenza, la seconda, invece, è stata più che altro una critica a Stallone, alla fine invece è stato deciso che uscirà solo la versione non censurata. Il primo trailer del film è uscito il 31 marzo 2010[11].

Casi mediatici

  • Il 18 ottobre 2009 i membri della troupe brasiliana del film hanno diffuso interi spezzoni "grezzi" del film lamentando di non essere stati pagati[12]. Stallone ha utilizzato i conti correnti del partner sudamericano O2 Filmes per pagare le spese durante la lavorazione della pellicola, lasciando debiti per oltre 2 milioni di dollari, relativi a fatture, bollette della luce e stipendi di manovalanza e compagnie locali. A quanto riporta O2, azienda brasiliana che ha collaborato alla realizzazione del film, Stallone, dopo aver ignorato numerosi solleciti di pagamento, avrebbe addirittura smesso di rispondere alle loro chiamate telefoniche[13]. Questa storia ha fatto infuriare i brasiliani, che avevano già dato vita ad una campagna di protesta su internet a seguito delle dichiarazioni rilasciate da Stallone al ritorno negli USA dopo le riprese, in cui aveva dichiarato: "Potresti far saltare in aria la loro intera nazione e loro continuerebbero a dirti "Grazie mille, prego, si accomodi: si porti questa scimmia a casa"[13]. Stallone sarà trascinato in tribunale dalla società brasiliana O2 perché non ha restituito circa 2 milioni di dollari[14].
  • Il 20 dicembre 2009 l'attrice Brittany Murphy è morta a Los Angeles per un arresto cardiaco, a 32 anni. Secondo le fonti è stata la madre a trovarla priva di sensi nella doccia della casa intestata a suo marito, Simon Monjack, a Los Angeles. Dopo una chiamata al 911 i paramedici accorsi sul posto hanno tentato di rianimarla, ma giunta all'ospedale è stata dichiarata morta per arresto cardiaco[15]. Questo film segnerà l'ultima interpretazione per l'attrice.
  • Durante lo scontro con il wrestler Stone Cold Steve Austin, Stallone si è rotto una vertebra cervicale, ed è stato operato d'urgenza.

Curiosità

  • Nel cast figura anche l'amico di lunga data di Stallone, il Governatore della California Arnold Schwarzenegger [16]. Tra l'altro questa è la prima volta che Stallone e Schwarzenegger recitano insieme.
  • Stallone ha affermato che The Expendables è il film più difficile che abbia mai girato.
  • Il film, per il contesto politico cui si riferisce, per l'alto grado di violenza, e anche per vari dettagli (come il tipo di divise dei militari sudamericani che vi compaiono), è stato accusato di mettere in scena un'aggressione contro il governo Chavez in Venezuela, e perciò di funzionare come un mezzo di propaganda bellica.[17]
  • Bruce Willis ed Arnold Schwarzenegger hanno lavorato gratis per l'amico Stallone.

Note

Collegamenti esterni

  • cinema Portale Cinema: accedi alle voci de enciclopediadeldoppiaggio che trattano di cinema


Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
DOPPIAGGIO
INDICI A-Z
Strumenti